Parte in Piazza la XVIII edizione del Festival d’Autunno

La finale di Next Generation

“Una chiamata alle arti”, così l’ha definita Antonietta Santacroce, direttore artistico del Festival d’Autunno, la sezione “Next Generation” che caratterizzerà, insieme ai tanti eventi previsti e ancora top secret, la XVIII edizione della rassegna.

L’idea è nata durante il lungo periodo di confinamento ed è partita dalla riflessione che il lockdown ha penalizzato moltissimo il mondo dello spettacolo e, in particolare, gli artisti in erba che non hanno potuto farsi conoscere in quelle occasioni in cui solitamente sono protagonisti: feste di piazza, concorsi canori, ecc.

Un talent che premierà le giovani promesse del canto

L’iniziativa è partita attraverso le pagine social del Festival: un talent che andrà a premiare quelle giovani proposte meritevoli di essere conosciute dal grande pubblico.

Numerose le candidature arrivate. Tra tutte hannoa avuto la meglio dieci: si spazia dal canto lirico alle cover band, dai musicisti ai cantautori.

Tutti saliranno sul palcoscenico di Piazza Prefettura, a Catanzaro, il prossimo mercoledì 29 luglio dove, a partire dalle 21:00, presentati da Simona Palaia, cercheranno di convincere la giuria, ottenendo la possibilità di essere inseriti nel prossimo cartellone del “Festival d’Autunno”.

Vogliamo realizzare un sogno

«E’ da anni che la nostra rassegna – spiega Santacroce – valorizza gli artisti locali, anche con produzioni originali che hanno avuto un ottimo riscontro. Questo perché so bene quanto sia difficile, quando si intraprende il duro percorso del mondo dello spettacolo, trovare qualcuno disposto a sostenere i propri sogni. Ecco – prosegue il direttore artistico – noi vogliamo provare a realizzare un sogno, offrendo a un giovane talento la possibilità di mettersi in mostra davanti un pubblico importante, con il proprio nome inserito in un cartellone che, lo scoprirete a breve, è ricco di nomi conosciuti e apprezzati a livello internazionale».

«Avremmo potuto procedere all’ultima selezione nel chiuso di un teatro, senza avere il supporto del pubblico. Invece la piazza – ha proseguito Antonietta Santacroce – renderà la conclusione del talent ancora più affascinante. La presenza di tanta gente consentirà ai concorrenti di avere l’immediata percezione della loro performance e farà capire anche ai giurati se c’è quella presenza scenica necessaria, oltre alle qualità artistiche, per esibirsi su un palco così importante com’è quello del Festival d’Autunno. Posso assicurare – conclude – che sarà uno spettacolo interessante perché dai provini che abbiamo valutato c’è, tra i partecipanti, davvero tanta qualità».

La finale di “Next generation” chiude il programma di “Facciamo centro”, la rassegna voluta dall’assessore al Turismo di Catanzaro, Alessandra Lobello, in collaborazione con la Pro Loco del presidente Filippo Capellupo.

La giuria

La giuria sarà composta da musicisti, cantanti e giornalisti mentre questo è l’elenco dei finalisti in gara: Daniela Pia Abate, Aurora Kuda, Classic Movies, Dasco, Dioneo, Celeste Iiritano, Valeria Parentela, Eighty Way, Sing Swing, Chiara Troiano.