“Parco della Fiumarella”: “Sindaco Abramo faccia chiarezza su progetto”

Francesco Pristerà, presidente Associazione Culturale Sala365, scrive al sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, in merito alle condizioni del Parco pubblico della Fiumarella, sito nel quartiere Sala. Una lettera nella quale il numero uno dell’associazione cittadina chiede un pronto intervento volto a recuperare l’area.

“Gentile sindaco di Catanzaro Le scrivo a proposito dell’ormai famoso problema del Parco pubblico della Fiumarella. Come Lei ben sa alla fine degli anni ’90 è stato avviato l’iter per i lavori relativi alla riqualificazione e “Sistemazione a parco pubblico di un tratto della Fiumarella” nell’ambito del Programma di Recupero Urbano (PRU).

Nel quartiere di Catanzaro Sala notevole entusiasmo aveva creato l’annuncio della realizzazione di tale parco, che poteva rappresentare un centro di aggregazione di notevole spessore capace di dare una svolta all’intero quartiere e poteva essere un polo di attrazione anche per i non residenti e, perché no, per i turisti, grazie anche alla sua allocazione particolare sulla sponda della Fiumarella e vicino a vari punti di interesse testimonianza di un passato glorioso e rigoglioso etc. e vicino alle molteplici attività artigianali e commerciali del quartiere. I Lavori di tale importante opera sono stati interrotti (dopo brevissimo tempo dall’avvio) nell’anno 2007 (?) e mai più riavviati. Adesso siamo molto lontani da quella data e Lei, signor sindaco Sergio Abramo, è al giro di boa della sua seconda sindacatura dopo la parentesi Olivo/Traversa ma di questa importante opera nulla si sa. Tutto tace. Si sono perse le tracce di un’opera interamente finanziata, di cui vi è stato un accenno di inizio di lavori in tempi ormai lontani, lasciando così allo sbando un luogo che poteva rivitalizzare il quartiere e, di riflesso, tutta la città.

     

Attualmente questo luogo è diventata una landa desolata, una discarica a cielo aperto ove sono ammassati tutti i tipi di rifiuti, soprattutto quelli indifferenziati, in spregio alla popolazione residente che vede minacciata giorno per giorno la vivibilità dei suoi luoghi e vede allontanarsi il sogno di un polmone verde nel quartiere.Signor sindaco, Lei viene spesso decantato come “ottimo amministratore”; di certo non Le manca l’esperienza e la conoscenza del territorio cittadino. Anche recentemente e pubblicamente Le è stata riconosciuta la dote di ottimo amministratore, però a me sembra che la sua capacità amministrativa abbia un raggio di azione molto corto e ben definito comunque incapace di arrivare fino al nostro quartiere di Sala. Siamo in un periodo particolare in cui tutti in città, chi più chi meno, siamo distratti dalla ormai vicinissima tornata elettorale.

Signor sindaco, dopo aver superato questo periodo “elettorale” La invito a fare chiarezza, a se stesso e ai cittadini del quartiere di Sala, sul futuro del progetto del “Parco della Fiumarella” che non deve essere, nel modo più assoluto, preda di altri appetiti. Sarebbe questa una fine indecorosa del sogno “Parco della Fiumarella”, una fine indecorosa per il quartiere e i suoi abitanti, che, per inciso, votano come tutti gli altri e hanno gli stessi diritti di tutti gli altri. Sarebbe infine una fine indecorosa della sua fama di “ottimo amministratore”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Fonte