Omicidio Gentile, la Procura ricorre in Cassazione

Omicidio Gentile, la Procura ricorre in Cassazione 6 Aprile 20206 Aprile 2020 Sarà sottoposto alla Suprema Corte di Cassazione il procedimento penale a carico del 24enne Nicolas Sia, il ragazzo catanzarese accusato dell’omicidio di Marco Gentile.

La Procura Generale del capoluogo ha proposto ricorso in Cassazione contro la sentenza della Corte d’Appello di Catanzaro, emessa il 26 novembre 2019, con cui giudicando su rinvio della stessa Corte di Cassazione, aveva riconosciuto l’attenuante della provocazione. Ciò aveva ridotto la pena di Nicolas Sia a 12 anni. Le parti civili sono rappresentate nel processo dagli avvocati Antonio Lomonaco, Arturo Bova, Antonio Ludovico e Alessio Spadafora. L’imputato è invece difeso da Giancarlo Pittelli. Raffaella Sforza, il sostituto procuratore, ha ribadito che la condizione di bullismo in cui si trovava Nicolas non può rappresentare un’attenuante, come ha sostenuto la Corte d’Assise. La reazione, a suo dire, è stata spropositata.

Redazione Calabria 7

   

 

 

 

 

© Riproduzione riservata. Condividi

Fonte