Covid 19 e turismo di prossimità: come ottenere il Bonus 2020

ESTATE

bonus vacanze

Sembra che il Covid, dopo aver provocato danni incalcolabili, abbia portato anche delle buone notizie.

Dopo averci avvilito, uno dei risvolti positivi della pandemia è la riscoperta del “turismo di prossimità”, già eletta formuletta magica dell’estate 2020 che ci vedrà prenotare in location non molto distanti dai nostri luoghi di residenza.

In tempi in cui tutti cercano di dare delle ricette per uscire dalla crisi causata dal Covid, una semplice  c’è ed è quella del turismo di prossimità: una formula che è stata dimenticata ma che negli anni Cinquanta e Sessanta è stata fondamentale per la crescita di un comparto che fino a quel momento prevedeva le vacanze solo per i ceti più abbienti.

Non si tratta di una riedizione delle villeggiature di una volta, ma di una vacanza con un approccio più dinamico, fatto di brevi spostamenti (pare che l’auto sia il mezzo di trasporto preferito) e di soggiorni brevi.

Le destinazioni, quindi, saranno mete vicine a casa e, possibilmente, poco affollate: saranno in pole position i borghi che costellano il territorio calabrese ed una modalità di esplorazione che segue i principi del turismo slow.

Bonus vacanze dal 1 luglio

Il bonus vacanze, introdotto dal governo nel Decreto Rilancio, è la misura che offre la possibilità di ottenere un contributo fino a 500 euro per i soggiorni in Italia.

Potranno ottenerlo le famiglie con un reddito ISEE fino a 40.000 euro. L’importo del bonus dipenderà dal numero dei componenti del nucleo familiare: 500 euro per i nuclei composti da 3 o più persone, 300 euro per quelli composti da 2 e 150 euro per quelli composti da 1 persona.

Il bonus vacanze, consultabile sul sito dell’agenzia delle entrate https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/bonus-vacanze1, potrà essere richiesto a partire dal 1 luglio e fino al 31 dicembre 2020.

BC